Recensione | "L'estate più bella della nostra vita" di Francesca Barra

luglio 09, 2017

Buona domenica lettori, oramai siamo quasi alla fine di questa giornata, ma voglio comunque riempirla con una nuova recensione di un libro che mi è entrato nel cuore. Sto parlando de "L'estate più bella della nostra vita" di Francesca Barra, edito Garzanti, che dovete assolutamente leggere! ✿ Ma prima di lasciarvi alla mia recensione ecco la scheda del libro.

L'estate più bella della nostra vita | Francesca Barra
180 pag. | Garzanti | 18 aprile 2017
3.99€ (ebook) | 16.60€ (cartaceo)

L’estate è la stagione della libertà, dei sorrisi e del profumo di salsedine. Ma per Giulia e Lorenzo quest’anno tutto è diverso. Sono costretti a trascorrere due lunghi mesi in Basilicata, la terra d’origine della madre. Una terra lontanissima da loro, cresciuti al Nord. Una terra di cui non hanno ricordi, perché da quando erano piccolissimi non ci sono più tornati. Una terra dove c’è una famiglia di cui non sanno nulla. I due ragazzi preferirebbero essere da qualsiasi altra parte invece che con quei nonni così all’antica, quelle zie troppo amorevoli, quei cugini che pur essendo coetanei sembrano distanti anni luce da loro. Eppure giorno dopo giorno scoprono la magia di un posto dove sembra che il tempo si sia fermato. Dove lo stare a tavola insieme vuol dire prendersi cura l’uno dell’altro. Dove l’amicizia è un valore importante. Ma anche lì, in quei luoghi che profumano di liquirizia selvatica, ci sono dolori che non si ha il coraggio di portare in superficie. Ci sono segreti che raccontano di un amore che ha diviso una famiglia. Che ha diviso tre sorelle per troppo tempo.
Ora Lorenzo e Giulia sono pronti a rompere quell’equilibrio di bugie e segreti, sono pronti a farle riavvicinare. Perché non esiste mai una sola verità. Perché dopo mille estati malinconiche arriva sempre un’estate in cui si diventa adulti per davvero. Un’estate in cui si riavvolge il filo di ciò che si credeva perduto per sempre in silenzi e malintesi. Un’estate in cui ci si innamora, in cui i ricordi non fanno più male. L’estate più bella della propria vita. 

L'autrice. Francesca Barra torna alle atmosfere che l’hanno fatta amare dai lettori: la Basilicata e i legami familiari. Dopo il grande successo di Verrà il vento e ti parlerà di me e Il mare nasconde le stelle, un nuovo attesissimo romanzo indimenticabile. La storia di amori e amicizie che permettono agli adolescenti di diventare adulti felici. La storia di tre sorelle e la difficoltà di un unione così forte e innata. La storia di un’estate che ha perso il suo velo di nostalgia per diventare quel momento in cui ogni cosa torna al suo giusto posto.

RECENSIONE

"L'estate più bella della nostra vita" è uno di quei romanzi che inizi a leggere e vorresti non finissero mai. Ti entra dentro e non ne esce più. E io l'ho adorato. 
Il romanzo è diviso in due parti. Nella prima troviamo tre sorelle, Rossella - Beatrice - Ida, che vivono a Borgo Felice, un paese della Basilicata, dove tutti sanno tutto di tutti e le tre fanciulle crescono in una famiglia che le ama e che non le fa mancare nulla. Conosciamo meglio la loro famiglia, i loro caratteri, le loro ambizioni, la loro vita, fatta di scelte belle, amori e di rimpianti. Nella seconda parte, invece, conosciamo la generazione più giovane, composta dai figli di Ida e da quelli di Beatrice, questi ultimi si troveranno costretti dalla madre a passare l'estate a Borgo Felice anzichè a Milano, dove vivono, o con gli amici, e per loro - inizialmente - sembra una punizione da cui voler scappare. Ma in realtà le cose sembrano invece prendere una piega diversa e l'estate sembra diventare davvero quella più bella per tutti.

Il romanzo consta meno di duecento pagine, ma è ricco di contenuti, personaggi e riflessioni. L'ambientazione scelta, la Basilicata, viene descritta con così tanto amore che fa davvero innamorare il lettore a questa terra spesso dimenticata. I personaggi sono tutti ben caratterizzati, ognuno regala qualcosa al lettore e la storia in sè permette di fare diverse riflessioni, come - ad esempio - sulle differenze ed i pregiudizi tra Nord e Sud, sul duro lavoro per vivere e andare avanti, sulla crescita, l'amore, la famiglia.

La Barra ha scritto un romanzo così ricco di emozioni che è impossibile non restarne ammaliati. E il suo stile è così pulito, anche se con qualche parola scritta in dialetto (e comunque comprensibile), e semplice che è impossibile non restare incollati alle pagine.

Insomma, parlare di questo romanzo non è semplice perchè rischio di volervi raccontare troppo e quindi di fare spoiler, ma sicuramente posso dirvi che è uno di quei romanzi che consiglio a chiunque, perchè come l'ho definito mentre lo leggevo "è uno di quei libri belli veramente".

Valutazione: un romanzo emozionante, con spunti di riflessione, piacevole e consigliato
☆☆☆☆☆

Post correlati

0 commenti

Seguimi su Google+

I miei libri

Riflessa in una goccia d'acqua Frammenti d'Infinito

Seguimi su Facebook